Mai piu violenza in nome di Dio. Staglianò: «Presto un Cenacolo teologico internazionale»

“Dio e la violenza: tra religioni e fede cristiana”. Ruoterà attorno a questo tema il Cenacolo teologico internazionale in procinto di nascere dopo la visita svoltasi nei giorni scorsi a Istanbul del presidente della Pontificia accademia di teologia (Path) monsignor Antonio Staglianò al patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I.

Sullo sfondo la guerra in Ucraina che ha fatto riemergere un “passato cristiano” che in molti ormai davano come tramontato, ovvero l’idea ateologica che Dio possa stare dalla parte di una nazione “contro” un’altra. Assurdo, secondo il patriarca Bartolomeo, tirare in ballo Gesù, morto in croce per rivelare il volto santo di Dio-agape, solo e sempre amore: “Cristo infatti – si legge nel comunicato diffuso dalla Pontificia accademia di teologia – sta sempre dalla parte delle vittime, tutte, ucraine e russe, mentre esige col suo comandamento dell’amore che tutti stiano dalla sua parte, quella del perdono, dell’amicizia, della fratellanza universale”.

“Agire con violenza in nome di Dio è satanico”: questo pensiero di Francesco è pienamente condiviso da Bartolomeo, per il quale il Papa è “un vero fratello”. Oltre ai problemi sociali come i milioni di sfollati, ai problemi politici di riconfigurazione geopolitica di Asia ed Europa, ai problemi pastorali di una fede testimoniata da accoglienza ed ospitalità, la guerra in Ucraina – è stato evidenziato – pone “soprattutto problemi teologici per l’immagine di Dio sempre compromessa e avvelenata in ogni guerra fatta all’insegna di Dio lo vuole”.

Il riferimento è andato ad alcuni fatti storici come il sacco di Costantinopoli del 1204 o il crollo dell’impero bizantino del 1453, quando “religiosi massacrarono religiosi, cristiani massacrarono cristiani. Eventi che suscitano tante domande a cui dare risposta: davvero in nome di Dio? E perché Dio non ascolta la preghiera di chi chiede protezione?” La questione di Dio e della Rivelazione cristiana sarà il cuore di una serie di iniziative per una “teologia in uscita” rivolte alla “gente comune”, agli ultimi in particolare, a cui la Pontificia accademia di teologia sta lavorando, in attesa dell’approvazione del nuovo Statuto da parte del Santo Padre.

Paolo Ondarza – Vaticanews

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…