Il Papa esce dal Gemelli e pensa ai migranti morti in Grecia: “Tanto dolore”

Papa Gemelli

Il volto è provato, ma il sorriso è quello di sempre. “Santo Padre come sta?”. “Ancora vivo!”. Papa Francesco esce intorno alle 8.45 dal Policlinico Gemelli dove era ricoverato dal 7 giugno scorso per l’operazione di laparotomia. All’ingresso principale dell’ospedale, sotto la tettoia, ci sono due cordoni pieni di pazienti, medici, infermieri, passanti, da una parte, e, dall’altra, giornalisti e cameraman pronti con telecamere e macchine fotografiche. Sono qui dalle 6 in punto in attesa di Francesco, pronti a scattare al primo movimento che si scorge all’interno. Dalle finestre che danno sulla piazza in cui si erge la statua di Giovanni Paolo II sono intanto affacciati infermieri in divisa e studenti dell’Università Cattolica che riprendono tutto con gli smartphone.

“Ecco il Papa!”, grida un uomo nel vedere apparire la sedia a rotelle con il Pontefice che subito alza la mano per salutare i presenti. Il tragitto è breve fino alla ormai nota Fiat 500 L bianca, pronta con i motori accesi. Ma Francesco si ferma per qualche istante. Subito la calca, qualcuno cade e cadono anche i cordoni sistemati da polizia e gendarmi la mattina presto. C’è trambusto – tutti voglio salutare Jorge Mario Bergoglio e provare a porgli qualche domanda -, ma è più forte l’emozione. Lui, Papa Francesco, si ferma con un piccolo gruppo di giornalisti radunati in mezzo alla folla. Stringe la mano della corrispondente di Radio Cope, Eva Fernández, che gli chiede com’è andata con questa seconda anestesia totale. L’ultima volta, cioè con l’operazione del 2021 per stenosi diverticolare, aveva lasciato qualche conseguenza fastidiosa. Lo aveva confidato lui stesso di ritorno dal viaggio in Canada. “Non lo so bene…”, risponde in spagnolo il Pontefice e chiama il chirurgo Sergio Alfieri che l’ha operato due volte – e che in due conferenze stampa ha fornito dettagli preziosi sul decorso post operatorio del Papa – per fornire una risposta ‘tecnica’.

Tra saluti e richiami: “Santo Padre, Santo Padre!”, Francesco riesce ad esprimere un pensiero sul recente, drammatico, naufragio in Grecia, che ha registrato la morte di oltre 80 persone. Già ieri il Pontefice aveva inviato un telegramma per condividere il suo dolore; oggi con un filo di voce e il volto rabbuiato sussurra: “Tanto, tanto dolore”. Poi su Twitter, dall’account @Pontifex, lancia un appello: “#PreghiamoInsieme per le tante vittime del naufragio avvenuto ieri nel Mediterraneo. Che il Signore ci dia il dono delle lacrime. I volti, gli occhi dei migranti tra cui tanti bambini ci chiedono di non girarci dall’altra parte”.

Il Papa lentamente sale in macchina, accompagnato dal professor Alfieri, dall’assistente sanitario personale Massimiliano Strappetti e dai gendarmi. Intorno si crea una barriera di telecamere. Saluta dal finestrino, Francesco, e ringrazia per l’affetto e anche per il lavoro di copertura dei giornalisti. Qualcuno prova a seguirlo, un ragazzo grida: “Viva il Papa!”. “Buona guarigione”, fa eco una signora. Una donna malata, con i piedi gonfi tanto da uscire fuori dalle scarpe, rimasta nonostante questo in piedi per oltre un’ora, si stringe intorno ad un’amica che l’ha sorretta fino a quel momento. Sorride per il momento vissuto, anche se è un po’ delusa per non essere riuscita a stringere la mano del Papa. Invece una signora anziana, che timidamente aveva chiesto ai giornalisti di farle spazio in prima fila, scandisce: “Ho salutato il Papa!”.

La direzione dell’auto è Santa Maria Maggiore, la Basilica divenuta simbolo della devozione mariana del Papa argentino. Francesco arriva intorno alle 9.30 e davanti alla Salus Populi Romani, come sempre prima e dopo ogni viaggio, si sofferma per qualche istante in preghiera per ringraziare la Vergine del buon esito dell’intervento. All’entrata e all’uscita, saluta fedeli e turisti già piazzatisi lì dal mattino certi dell’arrivo del Papa. Dalla Basilica liberiana, fa ritorno in Vaticano passando per l’ingresso del Perugino dove si ferma a salutare le forze dell’Ordine e ringraziarle per il loro servizio. Ma prima una tappa a sorpresa, intorno alle 10, all’Istituto Maria Santissima Bambina per una breve visita alle suore riunite per il capitolo generale. Lo fa sapere il direttore della Sala Stampa vaticana, che in un’altra comunicazione riferisce: “L’Angelus di domenica e le udienze dei prossimi giorni sono confermati, salvo l’udienza generale di mercoledì 21 giugno, che è annullata per salvaguardare il recupero post operatorio del Santo Padre”.

Intanto al Gemelli si ferma con i giornalisti il professor Alfieri che non si tira indietro alle diverse domande. “Il Papa ha confermato tutti i viaggi”, quello a Lisbona per la Gmg e anche la Mongolia a fine agosto. “Anzi – sottolinea lo specialista – li potrà affrontare meglio di prima perché adesso non avrà più il disagio dei disturbi precedenti. Sarà un Papa più forte”.

Qualcuno domanda come proseguirà la convalescenza, e il chirurgo, con un pizzico di ironia, risponde di getto: “Ma lui la convalescenza non la fa, ha già iniziato a lavorare!”. Il riferimento è alle “attività lavorative” che hanno scandito, insieme alla preghiere e alla lettura, i giorni del ricovero. “Gli abbiamo chiesto di fare un po’ di convalescenza, sono certo che stavolta ci ascolterà un po’ di più perché lo attendono degli appuntamenti importanti e ha già detto personalmente che li osserverà tutti quanti”, dice ancora Alfieri.

Ieri mattina lui e tutto il personale del Gemelli hanno vissuto un momento privato con il Papa che li ha ringraziati per la loro attenzione e dedizione: “Il Santo Padre ha voluto ringraziare tutto il personale infermieristico, tutti gli operatori sanitari, tutti i medici”, racconta il professore. “Grazie”, “pregate per me” e “sono ancora vivo”, sono state le parole che il Papa ha detto a tutta l’équipe medica del Gemelli. Alfieri lo riferisce quasi commosso: “Ripeto, il Papa sta bene, sta meglio di prima…”, ci tiene a sottolineare. “Ora io torno a lavorare…”, dice congedando i cronisti. Ma prima una battuta: “Che effetto le fa operare un Papa?”: “Beh, avevo già fatto esercizio la volta precedente! Arrivederci!”.

Leggi altro

In primo piano

“Il bene comune sia al centro del vostro agire”

  Nell’augurare buon lavoro ai sindaci neoeletti o riconfermati alla guida dei Comuni di Amato (Saverio Ruga), Cortale (Francesco Scalfaro), Marcellinara (Vittorio Scerbo), Miglierina (Marco Torchia), Motta Santa Lucia (Ivano Egeo), Pianopoli (Valentina Cuda) e San Pietro a Maida (Domenico Giampà), sollecito tutti ad avere come punto di riferimento il

In primo piano

Consegnata relazione finale commissione storica causa beatificazione monsignor Moietta

La Commissione storica della Causa di Beatificazione e Canonizzazione del Servo di Dio Vittorio Moietta, costituita dai Periti Paolo Francesco Emanuele (Presidente), Raffaella Rolfo (Membro) e Bruna Curato (Segretario), nei giorni scorsi si è riunita a Lamezia Terme per completare la Relazione finale circa il lavoro svolto nella Causa, ovvero