Il Papa: «L’indifferenza è una piaga, commuoviamoci davanti al dolore degli altri»

“Nel 1953, un quadretto raffigurante la Madonna iniziò a lacrimare nella casa dei coniugi Iannuso”. E’ in quello straordinario evento che si radica “la vostra storia, e tutto ciò che nei diversi Centri operativi portate avanti con tanta generosità”, afferma il Papa, rivolgendosi stamattina ai membri della Fondazione Sant’Angela Merici, di Siracusa, che incontra in Sala Clementina in Vaticano. Le origini della Fondazione, che compie 50 anni, si collocano in quelle “lacrime di Maria” che, osserva, “sono lacrime che ci parlano della compassione di Dio per tutti noi” per non farci “sentire soli nei momenti difficili”.

Allo stesso tempo, attraverso le lacrime della Vergine Santa, il Signore vuole sciogliere i nostri cuori che a volte si sono inariditi nell’indifferenza e induriti nell’egoismo; vuole, il Signore, rendere sensibile la nostra coscienza, perché ci lasciamo toccare dal dolore dei fratelli e ci muoviamo a compassione per loro, impegnandoci a sollevarli, rialzarli, accompagnarli.

Esprimere in gesti concreti il pianto di Maria
Attraverso un lavoro quotidiano in cui si mescolano professionalità e spirito di sacrificio, la Fondazione esprime “in gesti concreti le lacrime versate dalla Vergine Maria – prosegue Francesco – e nello stesso tempo il suo desiderio materno di asciugare il pianto dei suoi figli”. Questa è la sua ragione d’essere.

E voi, fratelli e sorelle, cercate di fare proprio questo: asciugare le lacrime di chi soffre, accompagnare chi è nel dolore, affiancare i più deboli della società, prendersi cura dei più vulnerabili, accogliere e ospitare chi vive particolari situazioni di fragilità. Fratelli e sorelle, il servizio che rendete è prezioso, e vorrei dirvi questo: la fonte della vostra opera è il Vangelo, la fonte della vostra opera è il Vangelo, rimanete attaccati a questa fonte!

Mai separare l’amore per Dio e l’amore per il prossimo
Anche Gesù, afferma ancora il Papa, si è lasciato toccare profondamente dal dolore di quanti incontrava, fino a piangere davanti alla morte dell’amico Lazzaro. Accompagnare chi è nel dolore è dare testimonianza della compassione del Signore che nel Vangelo dice: “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

Gesù infatti ci chiede di non separare mai l’amore per Dio da quello per il prossimo, in particolare per i più poveri. Ci ricorda, gesù, che alla fine saremo giudicati non sulle pratiche esteriori ma sull’amore – saremo giudicati sull’amore – quell’amore che, come olio di consolazione, avremo saputo versare sulle ferite dei fratelli.

La capacità di commuoversi
Papa Francesco conclude il suo discorso ai membri della Fondazione di Siracusa con l’incoraggiamento a “proseguire in questo vostro cammino” e chiede per loro la grazia di saper “piangere con chi piange”. Una grazia, perchè è difficile oggi avere la capacità di commuoversi davanti al dolore dell’altro:

L’indifferenza, l’individualismo che ci chiude alle sorti di chi ci sta accanto, e quella anestesia del cuore che non ci fa più commuovere davanti ai drammi della vita quotidiana, queste tre cose sono i mali peggiori della nostra società. Per favore, non vergognatevi di piangere, di provare commozione per chi soffre; non risparmiatevi nell’esercitare compassione con chi è fragile, perché in queste persone è presente Gesù.

Infine, il Papa affida tutti i presenti alla Madonna delle Lacrime e li invita ad agire anche nel nascondimento, credendo che “il bene fatto a chi non può ricambiare si espande in modo sorprendente e inatteso”.

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…