Il Papa: il ricordo dei bambini morti in guerra tocchi il cuore di chi può fermare le violenze

Parla a braccio, Francesco, con i ragazzi dell’Azione Cattolica che lo incontrano nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico per gli auguri natalizi. Ringrazia i piccoli che lo hanno allietato con un canto, li invita a non perdere l’entusiasmo, la mistica e la gioia e consegna il discorso preparato, dove spiega che il mondo potrà ritrovare la luce e la pace di cui ha bisogno solo se amiamo Dio e ci amiamo tra noi.

È ancora possibile tornare a sperare
Ai bambini, nella breve riflessione consegnata, il Papa chiede amore “in famiglia, in parrocchia, a scuola” e nei luoghi della quotidianità “per aiutare tutti a credere che è ancora possibile cambiare rotta, scegliere la vita e tornare a sperare”. E il suo pensiero è in particolare per quei Paesi che sono dilaniati da conflitti, causa della morte di centinaia di minori.

Sapete quanti bambini sono morti a Gaza in questa ultima guerra? Più di tremila. È incredibile, ma è la realtà. E in Ucraina sono più di cinquecento, e nello Yemen, in anni di guerra, sono migliaia. Il loro ricordo ci invita ad essere a nostra volta luci per il mondo, per toccare il cuore di tante persone, specialmente di chi può fermare il turbine della violenza.

Gesù è accanto a ciascuno di noi
Ma “il Natale ci ricorda che Dio ci ama e che vuole stare con noi”, in pratica “ci mostra il suo amore e ci invita ad amare”, sottolinea Francesco, aggiungendo che “per questo Gesù è nato, si è fatto piccolo, è vissuto in una famiglia con Maria e Giuseppe, e continua ad essere presente al nostro fianco e in ciascuno di noi”.

Questo è un dono stupendo. E ne porta con sé un altro: che anche noi possiamo amarci gli uni gli altri come fratelli. Quanto bisogno nel abbiamo oggi! Tanti popoli, tanti ragazzi soffrono a causa della guerra!

Infine il Papa esorta ad amare, oltre Dio e gli altri, anche il creato. È Dio che “ci chiama a riconoscere e rispettare la bellezza che ci circonda, nella natura e nelle persone, e così a crescere nella condivisione e nella fraternità” conclude Francesco, che esorta a vivere “con impegno questo percorso”.

Sacchi a pelo per i poveri
L’incontro con il Pontefice per lo scambio degli auguri di buon Natale è ormai un tradizionale appuntamento per i ragazzi dell’Azione Cattolica. Questa mattina erano presenti delegazioni provenienti da 14 diocesi d’Italia (Tricarico, Cerreto Sannita, Lecce, Latina-Terracina-Sezze-Priverno, Casale Monferrato, Assisi, Reggio Calabria, Caltagirone, Lucca, Tortona, Rimini, Trieste, Ivrea, San Benedetto del Tronto). I ragazzi hanno portato in dono a Francesco sacchi a pelo e prodotti per l’igiene personale destinati all’Elemosineria Apostolica che li utilizzerà per l’assistenza ai più bisognosi. E ancora la tessera Acr numero 1 per il nuovo anno associativo, una copia dell’Agenda dei Ragazzi, frutto del lavoro di centinaia di piccoli riuniti a Silvi Marina all’inizio di ottobre per l’Incontro nazionale dell’Acr, e una copia del Sussidio “La pace in testa”, che presenta il progetto e le attività dei ragazzi per il Mese della Pace 2024, con il cappellino dell’iniziativa dedicato a Papa Francesco.

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…