Parolin in Senegal: pace, migranti, cura della terra obiettivi comuni

Senegal

Senegal e Santa Sede insieme per collaborare ad obiettivi comuni come “la nobile causa della pace e della giustizia nel mondo”, a cominciare dalle regioni del Sahel, la gestione responsabile della casa comune “garanzia” del futuro dell’umanità, il riscaldamento globale e la giusta distribuzione dell’acqua, la questione migranti a fronte di tante perdite umane tra donne, bambini e anziani. Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, è in visita in Senegal, in occasione della consacrazione, oggi 9 dicembre, di un nuovo Santuario mariano nazionale a Popenguine, città costiera a sud di Dakar. Denominato Notre-Dame-de-la Délivrande de Popenguine, il Santuario ospita una statua della Madonna Nera dal 1889 particolarmente venerata dalla comunità cattolica senegalese. La statua è stata benedetta da Giovanni Paolo II durante la sua visita nel Paese africano nel 1992.

Relazioni diplomatiche fruttuose
Nel corso del suo viaggio, Parolin ha incontrato il ministro dell’Interno e altri ministri del Paese in un incontro bilaterale. Dinanzi ai media locali ha poi letto una dichiarazione in cui, riportando gli “auguri di pace e di fraternità” di Papa Francesco al governo e al popolo del Senegal, rammenta le “eccellenti e fruttuose relazioni diplomatiche” reciproche instaurate da oltre sessant’anni e “fondate sul rispetto reciproco, la tolleranza e la fraternità, nonché su un’azione comune centrata sulla dignità e il bene di ogni persona, specialmente dei più vulnerabili, e sulle loro necessità, richieste ed aspettative materiali e spirituali”.

Soluzioni pacifiche ai conflitti
Il segretario di Stato parla poi di “obiettivi comuni”, a cominciare dalla “preoccupazione per il destino dell’umanità e della stabilità, compresi i Paesi del continente africano”, e poi “la costante ricerca di un dialogo sincero e fraterno per trovare soluzioni pacifiche e giuste ai conflitti internazionali in corso”. “Tutto ciò richiede una società giusta e funzionale che rispetti la dignità umana e i diritti fondamentali delle comunità e di ogni individuo”, afferma il cardinale.

La questione migranti
Si sofferma poi sulla questione dei migranti, “argomento di grande preoccupazione, soprattutto per la perdita di così tante vite umane, specialmente tra i più fragili: donne, bambini e anziani”. Uguale preoccupazione Parolin la esprime anche per “tutto ciò che riguarda il riscaldamento globale e la questione correlata della giusta distribuzione dell’acqua”, assicurando tuttavia la “fiducia negli sforzi dell’idrodiplomazia internazionale per trovare le giuste soluzioni”. In questo contesto, “una gestione responsabile della nostra casa comune è la garanzia per tutti della sopravvivenza e del futuro dell’umanità”, afferma il porporato.

Collaborazione con la Chiesa cattolica
Infine, assicura a nome del Papa e della Chiesa cattolica senegalese “la ferma volontà di collaborare per il bene di tutti, in uno spirito di rispetto reciproco, al fine di favorire il dialogo, l’amicizia e la cooperazione interreligiosa, per una coesistenza sempre più pacifica e giusta per tutti”. Ringrazia quindi il presidente Macky Sall “per l’attenzione prestata all’opera della Chiesa cattolica nei settori dell’educazione e della salute” ed anche “per aver accettato di includere i Santuari mariani nazionali e diocesani, i luoghi di culto della Chiesa cattolica, nel progetto di modernizzazione delle città religiose”.

Superare le avversità
Da qui, un augurio conclusivo: “La nostra fede in Dio, che è Amore e misericordia, deve consentirci di superare tutte le avversità e divisioni che possono minacciarci”, auspica Parolin, “Dio ci chiama a superarle cercando la fraternità universale”.

Leggi altro

Attualità

“La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa”

“L’amore, che è compimento della legge, aiuta la norma ad andare oltre se stessa e trovare il suo vero scopo per il bene dell’uomo”. Questo, uno dei passaggi chiave dell’intervento del Vescovo, monsignor Serafino Parisi, all’inaugurazione della mostra “Sub tutela Dei”, in memoria del giudice Rosario Livatino, ucciso nel 1990

The post “La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa” first appeared on Lamezia Nuova.

caritas

Servizio Civile Universale Bando 2023

 I candidati, di seguito elencati, che hanno presentato domanda in relazione al bando del 22 DICEMBRE  2023 per il seguente PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE: “EDUCATI ALL’ASCOLTO – CARITAS CALABRIA,” codice progetto PTCSU0020923013698NMTX che prevede n. 47 posti totali. Per la sede Caritas diocesana Via Episcopio, 15 – Mileto VV Candidati: CUGLIARI FORTUNATO CURRA’ FRANCESCO CURRA’ TERESA D’AGNOLO GIULIA DE MASI FRANCESCA LA TORRE PATRIZIA MARSICO MARIAGRAZIA … Continua a leggere »