Patton: in Terra Santa un Natale sobrio nel rispetto di chi soffre per la guerra

Patton

Betlemme vivrà le celebrazioni natalizie in “modo sobrio, nel rispetto di chi soffre per la guerra”. Padre Francesco Patton, custode di Terra Santa, entra nella città di Gesù, alla viglia della prima domenica di Avvento, per dare inizio al tempo di attesa di Natale, nel silenzio e pregando per la pace, spiega lui stesso, in un momento in cui si sente “che è ancora più importante venire qui a Betlemme”.

L’ingresso a Betlemme
Come da tradizione, i frati sono partiti da Gerusalemme verso Betlemme, dove sono potuti entrare grazie al permesso delle autorità israeliane. Lungo la strada, la sosta è stata davanti al monastero greco-ortodosso di Mar Elias, per poi attraversare il muro di separazione che divide i territori israeliani e palestinesi, passando nel checkpoint della tomba di Rachele, aperto per l’occasione. Dal check point il corteo è arrivato verso il centro di Betlemme, entrando in città questa mattina alle 10.45. Le forze armate israeliane hanno scortato il corteo fino alla tomba di Rachele e al Monastero di Sant’Elia, da lì il convoglio è stato preso in consegna dalle forze di polizia palestinesi. Il Custode è poi entrato a Betlemme passando tra due ali di folla, accolto in modo particolare dagli studenti del Terra Sancta College. Stasera verranno celebrati, sempre da padre Patton e dal suo vicario, padre Ibrahim Faltas, i primi Vespri d’Avvento, domani mattina sarà la volta della Messa che apre al periodo di preparazione al Natale.

La preghiera per chi soffre morte e distruzione
A Betlemme, dove si celebra la nascita di Gesù, “il principe della pace”, la richiesta elevata dal custode di Terra Santa è stata che Dio “doni pace a questa terra, ai suoi abitanti e che aiuti a fare percorsi di riconciliazione, perché, come ha detto il Papa, senza riconciliazione è impossibile avere la pace”. La preghiera è affinché finiscano morte e distruzione, a Gaza soprattutto, sono le parole di Patton, che ribadisce la vicinanza dei cristiani di Terra Santa a chi nella Striscia soffre e che prega anche perché a Betlemme tornino pellegrini e turisti, affinché gli abitanti “possano avere l’opportunità di vivere nuovamente in dignità”.

Il dramma di chi non lavora più
Dopo 55 giorni di separazione, stamattina le due comunità cristiane di Gerusalemme e Betlemme sono tornate ad incontrarsi, proprio in occasione dell’ingresso solenne di padre Patton. Un appuntamento tradizionale, che ogni anno si ripete ma che quest’anno, alla luce di quanto accaduto a partire dal 7 ottobre scorso, ha assunto un significato particolare. Il muro che separa Betlemme da Gerusalemme e tutti i check point sono chiusi, questo sta creando gravi problemi economici agli abitanti di Betlemme, molti dei quali sono lavoratori pendolari verso Gerusalemme, che ormai stanno vivendo una grave sofferenza economica drammaticamente evidente.

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…