Francesco: il diritto canonico sia più pastorale e missionario

In un Messaggio all’associazione Consociatio Internationalis Studio Iuris Canonici Promovendo, che celebra cinquant’anni di attività, il Papa esorta a considerare che la “suprema lex”, cui ogni legge ecclesiastica deve rifarsi, è sempre la salvezza delle anime: “L’unica cosa di cui il mondo ha bisogno è il Vangelo della misericordia di Gesù. È così che la Chiesa evangelizza anche attraverso l’applicazione della norma canonica”.

“Anche quando va applicata una sanzione severa a chi avesse commesso un delitto molto grave, la Chiesa, che è madre, gli offrirà l’aiuto e il sostegno spirituale indispensabili perché nel pentimento possa incontrare il volto misericordioso del Padre”

È il cuore del messaggio di Papa Francesco indirizzato a Chiara Minelli, presidente della Consociatio Internationalis Studio Iuris Canonici Promovendo, associazione fondata cinquant’anni fa con la finalità di unire esperti del Diritto Canonico delle Università ecclesiastiche e civili da tante parti del mondo, nella promozione di una disciplina che il Pontefice considera “importante per la vita della Chiesa”. Per celebrare lo speciale anniversario, l’associazione è riunita oggi, 1° dicembre, nella sede del CNR a Roma per il convegno “Cinquant’anni di Promozione del Diritto Canonico nel panorama mondiale della Scienza Giuridica”; per l’occasione, il Papa esprime l’auspicio che sia un momento provvidenziale di riflessione “per rinnovare la vostra cooperazione in così delicato ambito della Chiesa”. E sottolinea:

Siate consapevoli di essere strumenti della giustizia di Dio, che è sempre indissolubilmente unita alla misericordia.

“Si può essere anche canonisti, ma nel modo di ragionare essere senza fede”, precisa Francesco nel messaggio, e aggiunge: tutte le dimensioni e strutture ecclesiali debbono operare una conversione pastorale e missionaria, per portare al mondo l’unica cosa di cui ha bisogno: il Vangelo della misericordia di Gesù. Anche il Diritto canonico è investito di questo mandato che il Maestro ha dato alla sua Chiesa, quindi è necessario che sia più pastorale e missionario.

“Farsi pastorale – rimarca ancora il Pontefice – non significa che le norme vadano messe da parte e ci si orienti come si vuole, ma che nell’applicarle bisogna far sì che i Christifideles vi trovino la presenza di Gesù misericordioso, che non condanna, bensì esorta a non peccare più perché dà la grazia”.

L’invito del Papa è a compiere sempre un sano discernimento spirituale per essere aiutati a individuare che cosa nel vissuto quotidiano della Chiesa è essenziale, nella consapevolezza che “il Popolo di Dio vive nella storia, quindi le sue forme di vita e organizzazione non possono essere immutabili”. Tenere sempre presente, è la raccomandazione contenuta nel messaggio, che la suprema lex a cui ogni legge ecclesiastica deve rimandare, è sempre per la salvezza delle anime.

Al centro del Diritto canonico e del Diritto civile vi è la persona; la peculiarità nel Diritto canonico è la persona in quanto redenta in Cristo, come fedele nella Chiesa. Attraverso le leggi, sia la Chiesa che la Società civile si prefiggono di procurare il bene comune; tuttavia, esso nella Chiesa non è solo un ordine esterno che permette al singolo di adempiere i suoi obblighi e di esercitare i sui diritti, ma è espressione della presenza di Cristo Salvatore, realtà interiore di grazia, che è bene comune proprio perché appartiene ad ogni fedele.

 

Leggi altro

Attualità

“La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa”

“L’amore, che è compimento della legge, aiuta la norma ad andare oltre se stessa e trovare il suo vero scopo per il bene dell’uomo”. Questo, uno dei passaggi chiave dell’intervento del Vescovo, monsignor Serafino Parisi, all’inaugurazione della mostra “Sub tutela Dei”, in memoria del giudice Rosario Livatino, ucciso nel 1990

The post “La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa” first appeared on Lamezia Nuova.