Le Chiese cristiane di Gerusalemme: si fermi la violenza, si proteggano i civili

La condanna netta degli attacchi aerei israeliani contro la chiesa ortodossa di San Porfirio a Gaza, con un bilancio di 18 morti, tra cui nove bambini; l’impegno a non venire meno al “sacro e morale dovere di offrire assistenza”, e un appello alla comunità internazionale perché si proteggano i luoghi di rifugio e si proclami un cessate il fuoco umanitario in aiuto alle centinaia di migliaia di civili sfollati a Gaza. È questo il contenuto di una dichiarazione dei Patriarchi e dei Capi delle Chiese di Gerusalemme che si uniscono così alla condanna espressa dall’arcivescovo di Canterbury Justin Welby, giunto a Gerusalemme il 19 ottobre, all’indomani dall’esplosione all’ospedale anglicano al-Ahli di Gaza. Con lui, i capi delle Chiese cristiane, il Patriarca di Gerusalemme dei latini cardinale Pierbattista Pizzaballa, il custode di Terra Santa padre Francesco Patton, il Patriarca greco-ortodosso Teofilo III e il vicario patriarcale della Chiesa siriaco-cattolica Mar Yacoub Ephrem Semaan, si sono riuniti in preghiera la sera di venerdì 20 ottobre.

Il dovere di offrire assistenza ai civili
Le esplosioni a Gaza, che hanno provocato, il crollo di due sale della chiesa attorno a decine di rifugiati tra loro donne e bambini che vi dormivano. È questo, si legge nella dichiarazione, “l’ultimo caso di civili innocenti feriti o uccisi a causa di attacchi missilistici contro altri rifugi. Tra questi ci sono scuole e ospedali dove le persone si sono rifugiati perché le loro case sono state demolite durante l’incessante campagna di bombardamenti condotta contro le aree residenziali di Gaza nelle ultime due settimane”. I religiosi cristiani, “nonostante la devastazione”, restano impegnati a compiere il loro “sacro e morale dovere di offrire assistenza, sostegno e rifugio a quei civili che si rivolgono a noi in un bisogno così disperato”. Una missione cristiana che non verrà abbandonata, “anche di fronte alle incessanti richieste militari” di evacuare le istituzioni caritative e le case di culto, “perché non c’è letteralmente altro posto sicuro a cui questi innocenti possano rivolgersi”.

La pace giusta per l’oggi e per il futuro
La Chiesa, si legge ancora, è chiamata a prestare servizio ai più vulnerabili, e non soltanto in tempi di pace, ma soprattutto in tempo di guerra, “perché è lì che la sofferenza umana è massima”. Una missione che però ha bisogno di sostegno e per questo l’appello è alla comunità internazionale affinché faccia “rispettare immediatamente le protezioni a Gaza per i rifugi, come ospedali, scuole e case di culto”. Si chiede poi che si attui un immediato “cessate il fuoco umanitario, in modo che cibo, acqua e forniture mediche vitali possano essere consegnate in sicurezza alle agenzie di soccorso che assistono le centinaia di migliaia di civili sfollati a Gaza”, comprese quelle gestite dalle chiese. La dichiarazione si conclude sollecitando le parti in conflitto a “ridurre la violenza, a non colpire indiscriminatamente i civili da tutte le parti e ad operare nel rispetto delle regole internazionali della guerra”. È solo così che si potrà raggiungere in tutta la Terra Santa una “pace giusta e duratura”, nell’oggi come per le generazioni a venire.

Vatican News

Leggi altro

Attualità

“La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa”

“L’amore, che è compimento della legge, aiuta la norma ad andare oltre se stessa e trovare il suo vero scopo per il bene dell’uomo”. Questo, uno dei passaggi chiave dell’intervento del Vescovo, monsignor Serafino Parisi, all’inaugurazione della mostra “Sub tutela Dei”, in memoria del giudice Rosario Livatino, ucciso nel 1990

The post “La prospettiva in cui collocare la visione della vita di Livatino è quella della martyrìa” first appeared on Lamezia Nuova.

caritas

Servizio Civile Universale Bando 2023

 I candidati, di seguito elencati, che hanno presentato domanda in relazione al bando del 22 DICEMBRE  2023 per il seguente PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE: “EDUCATI ALL’ASCOLTO – CARITAS CALABRIA,” codice progetto PTCSU0020923013698NMTX che prevede n. 47 posti totali. Per la sede Caritas diocesana Via Episcopio, 15 – Mileto VV Candidati: CUGLIARI FORTUNATO CURRA’ FRANCESCO CURRA’ TERESA D’AGNOLO GIULIA DE MASI FRANCESCA LA TORRE PATRIZIA MARSICO MARIAGRAZIA … Continua a leggere »