Il Papa e i giovani, nuovo podcast: anche se sbagliate, Dio è pazzo d’amore per voi

“Esta es la juventud del Papa…”

Chi è la gioventù del Papa? Chi sono i giovani oggi? Dal macrocosmo della Gmg – la prossima a Lisbona – difficile forse entrare nelle sfumature di una generazione caratterizzata dall’avanzare delle tecnologie, segnata da tante fragilità, ma che si contraddistingue anche per la voglia di fare, di scoprire, reinventarsi. A farsi colori di generazioni policromatiche come la Gen Z, la Gen X, i millennials, sono Giona, disabile e transessuale, Edward e Valerij, in carcere per furti e rapine, Arianna, affetta da disturbo bipolare che si rifugia nel sonno per sfuggire alle angosce della vita, Giuseppe, che trascorre gran parte delle giornate ai videogames, e tanti altri di cui non conosciamo il volto, ma solo le ferite, le paure, i desideri, i progetti. Li hanno condivisi loro in un podcast.

“Il podcast? Sì, me lo ricordo”, risponde Francesco. Il primo era stato a marzo per i dieci anni di pontificato. La proposta è stata di una seconda puntata in vista della Gmg, dove i protagonisti sono ragazzi e ragazze dal diverso background, i quali, quando hanno parlato, non sapevano ancora che la loro voce sarebbe risuonata dalle casse di un computer a Casa Santa Marta. C’è quindi tutta la genuinità di persone che si sfogano, si raccontano, si confidano. Davanti a quel computer è seduto il Successore di Pietro che ogni tanto fa una smorfia di dolore quando sente parole come suicidio, condanna, emarginazione. Sorride davanti alla diversità degli accenti. La preoccupazione è di dare a tutti una parola. E quella parola è sempre “Dio”, orizzonte della vita. L’altra è “avanti”.

Lo dice a tutti. Lo dice a Giona, disabile, omosessuale, transgender, credente, che non rivendica alcunché ma vuole solo condividere la sua storia: “Coltivare una fede che sentissi davvero mia, mi ha aiutato ad accettarmi nel mio corpo disabile, atipico, a non sentirmi mai davvero solo neanche nelle difficoltà perché consapevole che chi mi conosce da prima che io sia, mai mi affiderebbe una croce troppo pesante per le mie spalle”, racconta. “Quando ho preso consapevolezza di essere una persona trans avrei tanto preferito non credere… E quel corpo meraviglioso e perfetto in quanto opera Sua? Mi sentivo strattonato dalla dicotomia tra fede e identità transgender, entrambe braccia di uno stesso corpo, il mio!”. Giona spiega che le prime persone con le quali si è confidato hanno cercato di dissuaderlo, prefigurando “un cammino buio”, quello dei “disertori di Cristo”. “Mi sono sentito colpevole”.

“Il Signore sempre cammina con noi, sempre”, dice il Papa, “anche nel caso in cui noi fossimo peccatori, lui si avvicina per aiutarci”. “Il Signore sempre cammina con noi, sempre. Il Signore non ha schifo di nessuno di noi. Anche nel caso in cui noi fossimo peccatori, lui si avvicina per aiutarci. Il Signore non ha schifo delle nostre realtà, ci ama come siamo. E questo è l’amore pazzo di Dio… Dio ci ama come siamo, Dio ci accarezza sempre. Dio è padre, madre, fratello, tutto per noi. E capire questo è difficile, ma Lui ci ama come siamo. Non arrenderti… Avanti…”

In Sudamerica Edward, rumeno, sarebbe membro di una pandillas. Quelle che in Italia conosciamo come baby gang. Ha rubato, spacciato, rapinato, come risposta a una condizione di povertà ed emarginazione, di prese in giro per i vestiti vecchi e l’italiano sbagliato. Si definisce “un bravo ragazzo però tanto fragile”. Valerij è russo, ha usato violenza contro cose e persone. Sfogo di una rabbia interiore montata dentro dopo l’abbandono dei genitori in orfanotrofio e la pandemia, “scintilla” che l’ha fatto esplodere. Non ha sogni nel cassetto, confida, ma aspetta solo la fine della pena. Entrambi sono nella comunità Kayros per il recupero di minori.

La loro storia è una storia “umana”, afferma il Papa, una storia che “va avanti con successi e con sbagli”. “Tante volte la società è crudele perché uno sbaglio ci qualifica per tutta la vita…. Quel dito accusatore ci distrugge. Vi dico una cosa: non eravate soli nel vostro cammino, neppure quando avete fatto gli sbagli brutti, c’era il Signore lì. E il Signore pronto a prenderti per mano, per aiutarti a sollevarti. È stato Lui a fare le circostanze storiche per sollevare ambedue… La vita non viene affossata dagli sbagli. I nostri sbagli tante volte ci fanno riflettere per andare avanti”

Salvatore Cernuzio, Vaticanews

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…