Francesco: non lasciamo soli gli anziani, la loro presenza è preziosa

“Non lasciamo soli gli anziani, la loro presenza nelle famiglie e nelle comunità è preziosa, ci dona la consapevolezza di condividere la medesima eredità e di far parte di un popolo in cui si custodiscono le radici”. È un nuovo invito per tutti i “nonni” del mondo quello che Papa Francesco lancia dal suo account Twitter in nove lingue @Pontifex, in vista della terza Giornata Mondiale degli anziani in programma domani, domenica 23 luglio.

“Per meglio accogliere lo stile dell’agire di Dio, ricordiamo che il tempo va abitato nella sua pienezza, perché le realtà più grandi e i sogni più belli non si realizzano in un attimo, ma attraverso una crescita e una maturazione: in cammino, in dialogo, in relazione”, già scriveva Francesco nel messaggio per la ricorrenza. La relazione, dunque, come strumento di crescita, per realizzare i sogni più veri che ci consentono di vivere in quella pienezza che esige una comprensione della storia e del proprio tempo. “Gli anziani ci permettono di vivere nella storia”, ma una vita piena “non consiste nel replicare il passato, bensì nell’attingere all’esperienza, alla testimonianza dei vecchi” per costruire un futuro migliore. È questa una delle riflessioni presentate da don Andrea Ciucci, coordinatore di segreteria della Pontificia Accademia per la Vita, intervenuto in diretta al programma Radio Vaticana con Voi.

Il religioso inizia partendo da un ricordo che si intreccia con l’inizio del pontificato, reso noto dal Papa in occasione del decennale dello stesso, lo scorso mese di marzo. Nel Popecast realizzato dai media vaticani, Francesco infatti individuava come il momento più bello l’incontro con gli anziani, il 28 settembre 2014, in piazza San Pietro. “I vecchi sono saggezza e mi aiutano tanto”, diceva. Tra gli organizzatori di quell’evento c’era proprio don Ciucci. “Coordinai il gruppo che organizzava l’incontro, in piazza c’erano 30 mila anziani, due di loro venivano dall’Iraq in quel momento particolarmente segnato da una guerra feroce. In piazza si sentirono le campane del loro Paese. Un’occasione – ricorda – grande, importante, alla presenza in piazza anche del Papa emerito, Benedetto XVI. Un momento di vicinanza e di presenza corale”.

Nel messaggio di Francesco si legge come sia “bella, quest’anno, la vicinanza tra la celebrazione della Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani e quella della Gioventù; entrambe hanno come tema la “fretta” di Maria nel visitare Elisabetta, e ci portano così a riflettere sul legame tra giovani e anziani. Il Signore spera che i giovani, incontrandoli, accolgano la chiamata a custodire la memoria e – si legge – riconoscano, grazie a loro, il dono di appartenere a una storia più grande”. Le parole del Papa ci sollecitano dunque ad appartenere ad una storia più grande. “Non possiamo pensare ad abitare la storia se non dentro una continuità, trasmettendo sapienza e fede”, afferma don Ciucci. “Però – prosegue – è importante avere un’attenzione: non replicare la storia passata, le giovani generazioni non devono ripetere quanto fatto dalle precedenti, ma la grande notizia è che con la sapienza del passato si abiterà in una maniera nuova, diversa questo tempo e il futuro. Volgere lo sguardo solo al passato è – sottolinea – il contrario della Pasqua di Gesù”.

La preghiera “per” e “degli” anziani è un’altra questione centrale. “Certamente crescendo nella relazione con il Signore, l’esperienza della preghiera è uno dei luoghi particolarmente significativi”, ricorda il sacerdote. La preghiera cristiana è sempre caratterizzata a una forma di responsabilizzazione, di costruzione di un vissuto”. In tal senso, prosegue, è importante sottolineare come “oggi abbiamo un allungamento della vita importante, quindi anche dal punto di vista spirituale l’età degli anziani chiede di essere ripensata. Sia nel riconoscere che oggi una persona di 75 anni può essere considerata un soggetto attivo, che testimonia, che fa un servizio ecclesiale e sociale. Sia – conclude don Ciucci – nel metterci davanti al Signore per gli anziani, per chi è sofferente, ponendoci sempre quanto sia importante avere attenzione per loro nella Chiesa e nella società intera”.

Andrea De Angelis – Vatican News

Leggi altro

breakingnews

«Maestro, non ti importa che siamo perduti?» Ascolta il Podcast dell’arcivescovo Morrone

Ecco la puntata di oggi del percorso Podcast intrapreso dall’arcivescovo di Reggio Calabria – Bova, monsignor Fortunato Morrone.
Da questa pagina è possibile ascoltare il Podcast senza installare alcuna App sul proprio smartphone.

L’articolo «Maestro, non ti importa che siamo perduti?» Ascolta il Podcast dell’arcivescovo Morrone proviene da Avvenire di Calabria.