«Infezione respiratoria»: papa Francesco è ricoverato al Policlinico Gemelli

Papa Francesco sofferente

Oggi pomeriggio papa Francesco è andato al Policlinico Gemelli per sottoporsi ad alcuni controlli medici suggeriti da alcune difficoltà respiratorie riscontrate nei giorni scorsi. L’esito dei controlli, ha confermato un bollettino medico diramato in serata, «ha evidenziato un’infezione respiratoria (esclusa l’infezione da Covid 19) che richiederà alcuni giorni di opportuna terapia medica ospedaliera. Papa Francesco – conclude il bollettino – è toccato dai tanti messaggi ricevuti ed esprime la propria gratitudine per la vicinanza e la preghiera».

Il Papa, 86 anni, questa mattina ha tenuto l’udienza generale in Piazza San Pietro con una catechesi incentrata sulla figura di San Paolo. Al termine dell’udienza ha avuto necessità di un aiuto per salire sulla Papamobile. Le prime notizie parlavano di “affaticamento respiratorio”, con dolori al petto, avvertito in Casa Santa Marta dopo l’udienza generale per cui l’infermiere personale del pontefice, Massimiliano Strappetti, avrebbe acconsentito a portare Bergoglio in ospedale per controlli. Sarebbe stata disposta una Tac ai bronchi, che avrebbe dato esito negativo.

Il Gemelli è l’ospedale in cui Francesco venne operato al colon il 4 luglio 2021 restandovi dieci giorni. Da tempo il Pontefice soffre inoltre di forti dolori al ginocchio destro, effetto della lesione a un legamento, per cui si muove spesso su una sedia a rotelle.

Il Policlinico è presidiato da decine di giornalisti.

Le fonti mediche hanno fatto sapere che gli esami hanno escluso problemi cardiaci e i clinici si sono concentrati sulle analisi respiratorie. La situazione, stando ai sanitari, non desterebbe preoccupazione e gli esami per misurare i livelli di ossigeno nel sangue sarebbero rassicuranti.

La Presidenza della Cei, a nome dei Vescovi italiani, ha espresso vicinanza a papa Francesco, «assicurando la preghiera corale delle Chiese in Italia. Nell’augurare al Santo Padre una rapida ripresa, la Presidenza affida al Signore i medici e il personale sanitario che, con professionalità e dedizione, si prendono cura di Lui e di tutti i pazienti».

Leggi altro

Archivio

Don Mottola, modello sacerdotale di impegno per i poveri e per la crescita spirituale e culturale delle nostre comunità

Monsignor Maniago a Tropea con i sacerdoti Un nutrito gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, con l’Arcivescovo S.E. Mons. Claudio Maniago, ha vissuto una giornata di intensa spiritualità e comunione fraterna nei luoghi del beato don Francesco Mottola a Tropea. “Essere insieme qui a Tropea – ha detto Mons. Maniago – è senz’altro motivo di gioia ed è anche un momento in cui rigenerare, nella nostra fraternità, anche i fondamenti del nostro essere preti a servizio di una Chiesa locale, a servizio di una porzione del popolo di Dio”. “E oggi lo facciamo – ha aggiunto il presule – cercando…

Archivio

Mons. Maniago continua il pellegrinaggio di preghiera nelle vicarie in preparazione al Giubileo

La Basilica della “Madonna di Porto” in Gimigliano, per la vicaria Taverna-Gimigliano e la chiesa parrocchiale “Santa Teresa di Gesù Bambino” per la vicaria di Catanzaro Sud, sono state le recenti tappe del pellegrinaggio di preghiera intrapreso nelle scorse settimane dall’Arcivescovo Claudio Maniago. Un vero e proprio percorso di preghiera, voluto da monsignor Maniago, facendo propria l’esortazione, rivolta alle diocesi da Papa Francesco, di promuovere iniziative volte a coinvolgere tutto il Popolo di Dio nel cammino di preparazione al prossimo Giubileo del 2025. Tema guida che sta caratterizzando questo significativo percorso è la preghiera cristiana per eccellenza, ovvero il Padre…