Lunedì l’inaugurazione dell’Anno giudiziario di Teic e Teica

Prolusione anno giudiziario Teic e Teica

Tutto pronto per la cerimonia di apertura dell’Anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Teic) e per quello d’Appello (Teica). L’iniziativa si terrà a Reggio Calabria: la prolusione è affidata a monsignor Francesco Savino, vescovo di Cassano allo Ionio e vicepresidente Cei.
La cerimonia si terrà il 30 gennaio presso l’Aula Magna “Monsignor Vittorio Luigi Mondello” del Seminario arcivescovile “Pio XI” di Reggio Calabria: relatori, vescovi e arcivescovi della Regione ecclesiastica calabrese, giudici, operatori giudiziari e uditori si ritroveranno alle 16.
I lavori saranno aperti dai saluti di monsignor Fortunato Morrone, Moderatore del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Teic), e di monsignor Claudio Maniago, Moderatore del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro d’Appello (Teica).
A seguire si terrà la relazione dei due Vicari giudiziali; prenderanno la parola, quindi, monsignor Vincenzo Varone, vicario giudiziario del Teic, e monsignor Erasmo Napolitano, vicario giudiziale del Teica.
La prolusione dal titolo “Il Tribunale ecclesiastico interdiocesano e il ruolo del vescovo diocesano” sarà tenuta da monsignor Francesco Savino, vicepresidente della Conferenza episcopale italiana (Cei).
Nel corso dell’inaugurazione dell’Anno giudiziario, in programma per luendì, si terrà il solenne e pubblico giuramento di fedeltà dei giudici e degli operatori dei due Tribunali ecclesiastici interdiocesani. Per tutti coloro non potranno essere presenti alla “Vittorio Mondello” sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming sia sulla pagina Facebook di Avvenire di Calabria sia sul sito del Teic (teicalabro.it).

Leggi altro

8xmille

I mille volti dell’8xmille al centro della nuova campagna di comunicazione della Cei

Ai nastri di partenza la nuova campagna promozionale dell’8xmille, on air dal 14 aprile, che racconta una Chiesa in uscita costantemente al fianco dei più fragili. Condomini solidali, doposcuola, poliambulatori, case di accoglienza, dormitori, mense, restauri di beni culturali e artistici, stanziamenti per calamità naturali o emergenze umanitarie nel mondo: