Zuppi: «Preoccupante il problema dei giovani, del Sud, dell’educazione»

Il cardinale Zuppi interviene su Giovani e Sud

«Alcuni dati che mi hanno molto colpito sono quelli che riguardano il problema dei giovani, del sud, dell’educazione, cioè di come la povertà diventa ereditaria. Per spezzare l’anello, oppure per unire, perché il Rapporto si chiama “L’anello debole” e l’anello debole lo devi rendere forte altrimenti si spezza tutta la catena. L’anello debole lo rendi forte ristabilendo l’educazione o investendo seriamente sull’educazione». Lo ha affermato, oggi, il card. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, in un video messaggio, con cui si è aperta la presentazione del Rapporto su povertà ed esclusione sociale dal titolo “L’anello debole”, curato da Caritas Italiana.
«I dati che ascolterete sui giovani e sulla povertà intergenerazionale sono davvero preoccupanti e richiedono a tutti quanti noi di fare qualche cosa perché l’educazione non è soltanto quella in termini tecnici, cioè di aiutare, quella di don Milani, quella di dare la parola, di aiutare a non essere esclusi dalla scuola – e l’abbandono sappiamo che è molto alto, incredibilmente alto – ma è anche l’investimento sulla persona, la rete di educazione che è quel famoso villaggio che almeno le nostre comunità devono rappresentare e rappresentano per chiunque», ha spiegato il porporato, chiarendo: «Un villaggio educativo, anche in termine tecnico – insisto – nel dare la fiducia e la possibilità di continuare a studiare, i mezzi per continuare a studiare e per rafforzare quell’anello sempre debole mentre l’ascensore sociale è guasto, è rotto da tempo – e pochi sono interessati ad aggiustarlo, mi sembra. C’è poi l’educazione che non viene garantita e che perpetua, quella che è quasi come una povertà ereditaria». Per questo «c’è una dimensione che viene sottolineata, la dimensione sociale, la territorialità, la rete che si deve ricreare». «Io penso che questo sia un grande compito delle nostre comunità e quindi delle Caritas che – ripeto qualcosa di già detto – non sono l’agenzia a cui noi esternalizziamo il compito della carità, perché la carità non si esternalizza. Voi sapete che nelle aziende per risparmiare si esternalizza, ma noi non possiamo esternalizzare perché saremo e siamo interrogati su questo e la carità coinvolge tutti e le Caritas devono aiutare a coinvolgere tutti quanti», ha precisato il presidente della Cei.

Gigliola Alfaro (Agensir)

Leggi altro

Attualità

La mostra “Sub tutela dei” sul giudice e beato Rosario Livatino al Palazzo di giustizia di Lamezia Terme

Una vita spesa in prima linea in nome degli ideali di fede e giustizia quella del “giudice ragazzino” Rosario Livatino, assassinato dalla mafia nel 1990 e proclamato beato nel 2021. A lui, al suo esempio di rigore morale e professionale, al suo sacrificio e al suo impegno nella lotta a

The post La mostra “Sub tutela dei” sul giudice e beato Rosario Livatino al Palazzo di giustizia di Lamezia Terme first appeared on Lamezia Nuova.

In primo piano

Il pellegrinaggio della statua della Vergine della Medaglia Miracolosa farà tappa a Lamezia Terme

Dopo Maida e Serrastretta, terza tappa in Calabria per Pellegrinaggio nazionale della statua della Vergine della Medaglia Miracolosa: dal 23 al 25 febbraio sarà a Lamezia Terme, nella parrocchia della Beata  Maria Vergine Addolorata (Pietà). Spiega il parroco don Emanuele Gigliotti: “Io ho subito risposto con gioia all’invito di realizzare

The post Il pellegrinaggio della statua della Vergine della Medaglia Miracolosa farà tappa a Lamezia Terme first appeared on Lamezia Nuova.