Feste patronali, lettera del Vescovo ai parroci

Carissimi fratelli sacerdoti,

in questi giorni mi capita spesso di riflettere e di lasciarmi interrogare dai passi del Vangelo che raccontano le frequenti occasioni in cui Gesù si ritirava a pregare, tutto solo[1]. Per quale motivo lo faceva? Perché mai avvertiva il bisogno di solitudine e di silenzio?

Dopo aver passato intere giornate a stare in mezzo alla gente, dopo aver fatto ampia scorta di parole ascoltate e dette, Gesù sentiva l’esigenza di ritirarsi in luoghi deserti per fare ritorno alla relazione più importante di tutte, ciò che costituiva per lui il cuore e il motivo di tutte le altre: la relazione con il Padre.

Nella sua esperienza terrena Gesù sentiva più che mai il bisogno di ricevere forza, conforto, pazienza, coraggio, attingendo l’Amore dalla sua prima sorgente, il cuore del Padre. Anche nel Getsemani, dove più forte emerge la necessità di trovare il Padre suo, si capisce in modo esplicito e chiaro che il suo “segreto” era (ed è ancora oggi) la relazione con il Padre nello Spirito.

In questo periodo avete un surplus di gioia pastorale e anche di impegni: la Pentecoste che segna la perfezione del periodo pasquale, l’inizio delle attività estive negli oratori, le comunioni, le cresime, le feste patronali. Che non manchi mai nelle vostre giornate, ve ne supplico, un momento di deserto e di solitudine nel quale fare ritorno al cuore del Padre e riposarvi in Lui. Il suo respiro sia il vostro respiro, il suo Spirito sia il vostro spirito[2].

La sfida più delicata e preziosa, in questo periodo così concitato, è rappresentata dalle Feste dei Patroni, di Maria e dei Santi: tanti sono i motivi di gioia per la ripresa di questa bellissima esperienza tipica della nostra terra, anche se non mancano i motivi di apprensione e fatica. L’organizzazione pratica sembrerà a volte prendere il sopravvento sulle cadenze pastorali e spirituali, ma sta a noi imparare anche dagli eventuali errori e fare sempre meglio. Al centro di tutto ci sia la preghiera comunitaria ad animare la preparazione delle feste, aiutandovi fraternamente tra voi sacerdoti soprattutto per organizzare le celebrazioni comunitarie del Sacramento della Misericordia! Una comunità cristiana che riesce a fare tutto in Grazia di Dio, aiuta ad avere sentimenti di autentica conversione e di vera fraternità. Questa è la testimonianza che il mondo si attende da noi: “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.  Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,34-35).

Aiutatevi e sostenetevi a vicenda, cari confratelli, confrontandovi tra voi e con me che sono a vostro servizio e a servizio delle vostre comunità. Non desistiamo nel fare il bene e nel fare bene in tutto ciò che ci attende: “E non stanchiamoci di fare il bene; se infatti non desistiamo, a suo tempo mieteremo.  Poiché dunque ne abbiamo l’occasione, operiamo il bene verso tutti, soprattutto verso i fratelli nella fede” (Gal 6,9-10).

In questo senso vi esorto a vigilare sempre su voi stessi e sui fratelli come ci esorta bene Papa Francesco: “Questa è la vocazione e la gioia di ogni battezzato: indicare e donare agli altri Gesù; ma per fare questo dobbiamo conoscerlo e averlo dentro di noi, come Signore della nostra vita. E Lui ci difende dal male, dal diavolo, che sempre è accovacciato davanti alla nostra porta, davanti al nostro cuore, e vuole entrare” (Angelus 6/1/2016).

Processione del Corpus Domini - Drapia

Processione del Corpus Domini – Drapia

E dove mai potrebbe fare ingresso il male, se non dove regna Mammona[3]? Perciò ponete molta attenzione al tema della gratuità perché è lì che si “gioca” la partita più delicata e drammatica. A Gesù venne posta la domanda se pagare le tasse facesse o no parte della legge mosaica; la risposta di Gesù divenne proverbiale: “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio” (Mc 12,13-17). Perciò ponete ancora maggiore attenzione del solito a questo tema, pretendendo dai vostri fornitori una fatturazione totalmente trasparente, anche per piccoli importi. Il grande tema della legalità (accolta pienamente da Cristo) si avvale di piccoli significativi gesti, imprescindibili e rappresentativi della nostra appartenenza alla società civile. Per questo vi parlo di gratuità: andare casa per casa a raccogliere soldi non fa per noi (e di fatto non lo facciamo) ma recarsi a visitare di persona i parrocchiani, soprattutto se anziani o malati, per invitarli alla festa patronale è un’occasione per creare il giusto clima nel quale realizzare queste iniziative. Gesù visitò la famiglia di Marta e Maria ed entrò nella casa di Zaccheo; la sua sola presenza, il suo passaggio nelle loro case riusciva a cambiare l’acqua della vita quotidiana nel vino buono della vita fraterna.

Una parola ancora vorrei spenderla per i fedeli laici che vi circondano, pensando soprattutto alla grande occasione rappresentata dal Sinodo mondiale indetto da Papa Francesco. In questi pochi mesi dalla mia venuta in mezzo a voi ho avuto modo di conoscere molte brave persone che, a vario titolo, vi aiutano nella conduzione della comunità parrocchiale: Consigli Pastorali, Consigli per gli Affari Economici, Catechisti, Accoliti, Educatori di Oratorio, Confraternite, Comitati Feste…

La conduzione di una parrocchia (e ancor più la responsabilità delle Feste) sono davvero un impegno gravoso. Anche se siete voi parroci i responsabili ultimi delle scelte effettuate, vi invito a condividere con questi laici che sono un vero dono di Dio questa responsabilità valorizzando anche le loro professionalità, le loro competenze e la loro disponibilità. Condividere insieme a loro la realizzazione delle Feste potrà rappresentare per voi una crescita nell’arte del discernimento e un’occasione ulteriore di comunione fraterna. Mi raccomando però di non delegare totalmente la festa patronale a comitati pur validi, ma che hanno bisogno sempre del pastore che li guidi, li tuteli e li aiuti nel discernimento del bene. Molti di questi comitati hanno bisogno di crescere insieme a voi, e senza di voi difficilmente cresceranno nella comunione e nella condivisione di una responsabilità spesso gravosa, ma mai delegabile del tutto, dato che siete i primi referenti, i primi responsabili delle scelte nel territorio delle vostre parrocchie. Permettetemi un suggerimento, anzi una richiesta esplicita: nell’organizzazione di un evento così complesso cercate di favorire, prima di ogni altra opzione, il coinvolgimento del Consiglio per gli Affari Economici della parrocchia. Questo organismo nasce proprio a tutela della vostra credibilità, del vostro buon nome e opera all’insegna della trasparenza fiscale, amministrativa e legale: non tralasciate questa opportunità a vostra garanzia. Se matureranno suggerimenti da parte vostra o sorgeranno dei dubbi su alcuni punti, contate pure su di me e sugli Uffici della Curia preposti a sostenervi e incoraggiarvi: avendo vissuto anch’io per molti anni la responsabilità della parrocchia so bene che in molte occasioni capita di sentire in maniera opprimente il peso della responsabilità e della solitudine di fronte a scelte che spesso appaiono più grandi di noi. È bene che questa avventura non la affrontiate da soli.

Provo tanta gratitudine nel cuore per i sacerdoti che mi hanno permesso di vivere le feste patronali nella mia infanzia a Palmi: don Rocco Iaria e don Silvio Mesiti si sono sempre spesi tantissimo per garantire anche ai portatori una formazione umana e spirituale adeguata al compito che si assumevano; tra questi portatori c’era anche un miracolato di San Rocco: mio padre, Pietro. Seguendo lui ho visto il sudore della sua enorme fatica ma anche le tante preghiere e lacrime non soltanto sue, ma di un intero popolo che insieme al Santo esprimeva il desiderio di seguire Cristo nella sua capacità di amare e perdonare. Oggi ci siete voi a guidare questo popolo e a celebrare quell’esempio di vita cristiana che si è resa presente nei nostri santi: seguire i santi significa perciò esaltare l’opera che Dio ha realizzato nella vita di questi nostri amici e modelli, come recita il Prefazio della solennità di Ognissanti. Nelle processioni che si snodano nelle strade e nelle piazze delle nostre città possa rinnovarsi la gioia incontenibile di Davide che danzava e cantava davanti all’Arca dell’Alleanza[4] che finalmente faceva il suo ingresso in Gerusalemme come segno della presenza di Dio in quella comunità. I padri e le madri conducano i figli e le figlie a pregare e cantare la gioia per il Signore che si rende presente nella vita dei Santi e nella nostra vita. Sì, è così: tutti noi siamo chiamati alla santità, ma spesso ce ne dimentichiamo. Per grazia abbiamo i santi a ricordarci che il nostro cuore è un pezzo di Cielo, un pezzo del cuore del Padre che ci invita ad amare con tutto noi stessi, se davvero vogliamo essere felici!

Coraggio, fratelli! Non desistete nel fare il bene con coraggio e dedizione!

Vi benedico di cuore!

Mileto, 6 giugno 2022

+ Attilio, vescovo

 

Prefazio di Ognissanti
La gloria della Gerusalemme celeste.
È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.

Oggi ci dai la gioia di contemplare la città dei cielo,
la santa Gerusalemme che è nostra madre,
dove l’assemblea festosa dei nostri fratelli
glorifica in eterno il tuo nome.

Verso la patria comune noi, pellegrini sulla terra,
affrettiamo nella speranza il nostro cammino,
lieti per la sorte gloriosa di questi membri eletti della Chiesa,
che ci hai dato come amici e modelli di vita.

Per questo dono del tuo amore,
uniti all’immensa schiera degli angeli e dei santi,
cantiamo con gioiosa esultanza la tua lode!

[1] Mt 14,23 Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
Mc 6,46 Quando li ebbe congedati, andò sul monte a pregare.
Lc 6,12 In quei giorni egli se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio.
Gv 6,15 Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.
Mt 14,13 Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte.
Mc 1,35 Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava.
Lc 4,42 Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto.
Lc 9,18 Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare.

[2] Rm 8,14-18 Tutti quelli infatti che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio. E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: «Abbà, Padre!». Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria. Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi.

 

[3] “Mammona” nasce dalla stessa radice ebraica della parola più usata nelle preghiere: “amen” (che significa “così sia”) che indica qualcosa che è solido, che è certo. Il termine “Mammona”, nella lingua aramaica ed ebraica, simboleggia ciò che dà sicurezza, ciò su cui si può contare. E qual è quella cosa sulla quale si può contare, che dà fiducia e certezza? L’accumulo dei beni! Quindi il termine “Mammona” che troviamo nei vangeli stigmatizza l’accumulo dei beni come un’alternativa oppositiva a Dio stesso! O scegliamo Dio o scegliamo Mammona! Non esiste un’altra possibile prospettiva.

[4] Davide radunò di nuovo tutti gli uomini migliori d’Israele, in numero di trentamila.  Poi si alzò e partì con tutta la sua gente da Baalà di Giuda, per trasportare di là l’arca di Dio, sulla quale è invocato il nome, il nome del Signore degli eserciti, che siede in essa sui cherubini.  Posero l’arca di Dio sopra un carro nuovo e la tolsero dalla casa di Abinadàb che era sul colle; Uzzà e Achìo, figli di Abinadàb, conducevano il carro nuovo: Uzzà stava presso l’arca di Dio e Achìo precedeva l’arca.  Davide e tutta la casa d’Israele facevano festa davanti al Signore con tutte le forze, con canti e con cetre, arpe, timpani, sistri e cembali. (2 Sam 6,1-5)


 

Leggi altro

News

L’AMCI festeggia i suoi primi ottanta anni

L’Associazione Medici Cattolici Italiani festeggia i suoi ottanta anni di fondazione. A ricordarlo si è svolto a Roma un Convegno  di due giorni presso la… Leggi tutto
L’articolo L’AMCI festeggia i suoi primi ottanta anni proviene da Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi.